La pandemia sta togliendo tanto ai giovani

Fabio Fanelli

Hanno bisogno di segnali di fiducia, in un momento di grande difficoltà e incertezza, alla luce di una situazione complessa e delicata imposta dal Coronavirus

Nessuno potrà fargli rivivere appieno questi fantastici anni. Spesso ci vengono segnalate critiche verso la condotta di alcuni ragazzi per il mancato rispetto delle regole, giudizi che a volte li individuano come responsabili di un peggioramento della situazione sanitaria. Sicuramente ci sono stati comportamenti poco esemplari, frutto dell’impeto giovanile, ma non dobbiamo dimenticare che neanche gli adulti possono dichiararsi estranei da tale condotta.

- Advertisement -

Non bisogna fare di tutta un’erba un fascio, tanti di loro hanno dimostrato di essere responsabili, rispettando le regole ed aiutando la comunità in vario modo, dalla distribuzione delle mascherine a migliaia di famiglie fino alla consegna dei pasti a domicilio, senza dimenticare i tantissimi gruppi di studio online e di assistenza reciproca fra alunni. La cosa di cui ci si dimentica, è tutto ciò che la pandemia ha tolto ai nostri giovani e quanto ancora toglierà loro.

Sono stati assaliti dalla noia, tutto ciò che li divertiva è praticamente scomparso: le uscite con gli amici, lo sport, la discoteca, i concerti. Il cervello adolescente si annoia più facilmente perché è predisposto ad esplorare il mondo e nuove esperienze, ma anche nuove capacità.

Sono loro, le prime vittime di una situazione che li sta privando di avventure e momenti che mai nessuno gli darà indietro. L’augurio è che presto possiate tornare alla normalità ed alla spensieratezza che da sempre vi contraddistingue e che questo virus si è illuso di potervi portare via.

Share This Article
Una cosa che adoro del mio lavoro, è l'importanza che si deve dare al servizio offerto. Meno spazio alle classifiche di chi ha più follower, più mi piace, più visualizzazioni, l'informazione è una cosa seria. La capacità di dialogo, di interazione e di corretto utilizzo delle varie piattaforme sono il segnale che la rivoluzione del mestiere del giornalista è in corso.